Seleziona una pagina

ROMA – Alla fine ne restarono soltanto due. Oltre a ministero dell’Economia e di Ferrovie dello Stato, lavoreranno alla Nuova Alitalia, passando per una profonda analisi del rilancio e per la stesura del piano industriale solamente Delta Airways e Atlantia.
Per il vicepremier Luigi Di Maio, che ha seguito da oltre un anno l’iter (molto sofferto) del dossier, esulta: “Alitalia è la nostra compagnia di bandiera, sono i nostri aerei, sono i nostri lavoratori. Io non canto mai vittoria prima di vedere le carte e un serio piano industriale, perchè non faccio campagna elettorale sulla pelle delle famiglie e delle persone. Ma oggi possiamo dire di aver posto le basi per il rilancio di Alitalia. E – aggiunge su un put up Fb – lo possiamo dire a gran voce perchè avevamo ereditato una situazione disastrosa, cominciata con il vecchio governo berlusconi e portata avanti dal pd. Noi siamo riusciti a trovare una soluzione e questo è un grande risultato. Un grande risultato raggiunto dopo settimane di lavoro intenso. Mentre qualcuno oggi si prendeva un caffè al tavolo e recitava la solita parte, qui abbiamo fatto la differenza”.
E così vengono messi da parte, probabilmente per sempre, i nomi del gruppo Toto – molto gettonato alla vigilia e spinto dal governo gialloverde – e quelli del patron della Lazio Claudio Lotito e dell’azionista di riferimento della compagnia Avianca Germàn Efromovich. Le proposte e le garanzie finanziarie portate al tavolo di Mediobanca non sarebbero bastate per aprire a questi nomi le porte della cordata.
Si è concluso dopo oltre quattro ore il consiglio di amministrazione di ferrovie dello stato chiamato ad esaminare le manifestazioni di interesse giunte per Alitalia. Il board di Fs ha individuato i accomplice per formare il consorzio per Alitalia. E a sorpresa sono stati esclusi Toto, Lotito e Efromovich. Ecco il comunicato stringato dell’azienda: “Il cda di Fs in recordsdata odierna, valutate le conferme di interesse pervenute, ha individuato Atlantia quale accomplice da affiancare a Delta Air Traces e al Ministero dell’Economia e delle Finanze per l’operazione Alitalia. Fs Italiane inizierà a lavorare quanto prima con i partners individuati per condividere un Piano industriale e gli altri elementi dell’eventuale offerta”.L’approfondimento quotidiano lo trovi su Receive: editoriali, analisi, interviste e reportage. La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare. Saperne di più è una tua sceltaSostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica

Read More