Seleziona una pagina

L’intento – inutile dirlo – lo definiscono “goliardico”: ma alla Festa della Lega di Pontida quello su cui si scherza sono le imbarcazioni che salvano i migranti in mare, la Sea Undercover agent e la Aquarius: nomi utilizzati per delle pizze negli stand della festa tradizionale della Lega, nella ‘capitale’ storica della Bergamasca. Nel menù le pizze sono assieme ad altre ‘speciali’: dalla pizza Flat Tax alla pizza del Capitano (ma c’è anche quella del segretario), la Va’ pensiero (scritta però “Và Pensiero”), l’Umberto, la Rosa Camuna, la Ladrona, la Ruspa.
Gli organizzatori della Festa di Pontida – che ha aperto l’8 e chiude il 18 – si erano già fatti notare per un’altra “goliardata”: avevano stampato delle magliette verdi con Alberto da Giussano e con la scritta in cirillico “Festa di Pontida”. Volevano scherzare sull’inchiesta Moscopoli e sui fondi russi, peccato che usando il traduttore on-line la scritta generation diventata “Partito di Pontida”. Adesso tocca alle pizze, ribattezzate con i nomi delle due navi di ong che stanno cercando di salvare vite nel Mediterraneo: tonno, olive, gamberetti e rucola per la Aquarius, frutti di mare e carciofi per la Sea Undercover agent. La pizza (e il cattivo gusto) è servita.
Foto Fb/Festa di Pontida

 

Study Extra