Seleziona una pagina

BANGKOK. La magistratura di Salta, in Argentina, ha spiccato un mandato di cattura internazionale nei confronti del vescovo argentino Gustavo Zanchetta, domiciliato in Vaticano, accusato del reato di abuso sessuale semplice e continuato ai danni di due seminaristi, aggravato dal fatto di essere stato commesso da un ministro di culto.
 
La pm María Soledad Filtrín ha deciso di emettere il mandato nei confronti dell’ex vescovo di Orán, considerato vicino a papa Francesco, dopo che lo stesso non ha risposto a ripetute telefonate e electronic mail inviategli al intellectual di procedere alla notifica degli atti processuali e dopo la sua decisione di costituire il suo domicilio nello Stato del Vaticano.
 
Nel 2017 Zanchetta period stato richiamato a Roma dal Pontefice (fino a poco tempo fa period assessore dell’Apsa) che ha autorizzato nel maggio di quest’anno l’apertura nei suoi confronti di un giudizio canonico.
 
Il mondo conservatore in questi mesi ha più volte usato il caso Zanchetta per attaccare il Papa. Nell’elenco delle persone responsabili di scandali, diversi siti di dwelling conservatrice inseriscono sempre il suo nome. Adesso in molti attendono una parola da parte del Vaticano. Bergoglio non ha mai voluto parlare direttamente di queste vicende anche se l’anno scorso, alla televisione messicana Televisa, aveva accennato che Zanchetta sarebbe rimasto in Vaticano perché nel dubbio bisogna sostenere il presunto colpevole. In dubbio expert reo. Zanchetta si proclama innocente. Tutto ora dovrà chiarirsi in tribunale anche se, in assenza di accordi, non è prevista nessuna estradizione dal Vaticano all’Argentina. Spetterà a Francesco decidere cosa fare.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Study Extra