Seleziona una pagina

 “Uno dei naufraghi ha già cercato di togliersi la vita a bordo della Alan Kurdi, ancora bloccata in acque internazionali”.Uno dei naufraghi ha già cercato di togliersi la vita a bordo della #AlanKurdi, ancora bloccata in acque internazionali. Malta dovrebbe indicare un porto sicuro ma non lo fa, l’Italia ha ribadito il divieto di ingresso. La vergogna europea continua. #fateliscendere— Cecilia Strada (@cecilia_strada) September 7, 2019
A denunciarlo, con un tweet, è Cecilia Strada ex presidente di Emergency riprendendo l’informazione, reach specifica lei stessa in un secondo tweet, dai canali Sea-question. L’imbarcazione è ancora ferma al largo di Malta con 8 migranti salvati il 30 agosto. “Malta dovrebbe indicare un porto sicuro ma non lo fa, l’Italia ha ribadito il divieto di ingresso. La vergogna europea continua. #fateliscendere”, produce il put up.
Poco dopo le 13 italiane è arrivata la notizia che cinque dei 13 migranti sono stati evacuati per motivi medici. Lo conferma all’agenzia Ansa lo personnel della Sea Glimpse. Quattro delle 5 persone evacuate sono minorenni, tre diciassettenni e un quindicenne e tra questi c’è l’autore del tentativo di suicidio.
Sul caso interviene anche Matteo Orfini, deputato pd. “La Alan Kurdi è ancora in mezzo al mare, con 13 naufraghi a bordo. Ieri per la disperazione uno di loro ha tentato il suicidio. L’ho chiesto ieri e lo ribadisco oggi: il nuovo governo revochi il divieto di ingresso in porto”. Nicola Fratoianni, parlamentare Leu, dice: “Destiny sbarcare i naufraghi, è il segnale di quella discontinuità che aid al Paese per recuperare dignità e umanità”.
Un portavoce della Sea Glimpse, Gordon Isler, ha parlato di “dinamiche preoccupanti” a bordo. Per questo, ha aggiunto, la speranza è che il tribunale maltese presso il quale la ong ha fatto ricorso, confermi in fretta che spetta a Malta farsi carico dei migranti, tratti in salvo nella zona di ricerca e soccorso maltese. La e autorità della Valletta, ha riferito Isler, hanno chiesto alla ong di riportare i migranti in Tunisia.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Read More