Seleziona una pagina

Clausole Iva da disinnescare: una zavorra da 43 miliardi3′ di letturaUna bomba a orologeria da 43 miliardi. A tanto ammontano le clausole di salvaguardia sull’Iva con cui occorrerà fare i conti nel biennio 2021-2022. Operazione molto complessa, che richiederà l’individuazione di ingenti risorse qualora si decida, come avvenuto finora, di neutralizzare gli aumenti già iscritti nei futuri tendenziali di finanza pubblica. GUARDA IL VIDEO – Clausole Iva da disinnescare: una zavorra da 43 miliardi Per il 2020, con la manovra di bilancio si aumenta il deficit per 14,4 miliardi a fronte dei 23,1 miliardi di clausole Iva da sterilizzare. Si passa in tal modo da un deficit tendenziale dell’1,4% al 2,2% che costituisce il nuovo obiettivo programmatico. Risultano di conseguenza aggiornati e ricalcolati gli importi per gli anni successivi. Nel 2021, il conto delle clausole Iva si riduce a 18,4 miliardi dagli iniziali 28,8 miliardi. Nel 2022, si passa da 29 miliardi a 25 miliardi.Le clausole Iva una pesante ipoteca anche per gli anni a venire Le cifre in ballo mostrano con chiarezza che anche per il biennio 2021-2022 il peso delle residue clausole Iva condizionerà non poco la politica di bilancio, restringendo i margini a disposizione per misure dirette al sostegno della crescita e dell’occupazione.Ci si chiede se non sia giunto il momento di affrontare di petto la questione. Si eviterebbe il ricorso a vere e proprie acrobazie contabili, a defatiganti trattative con Bruxelles, il tutto in nome di quello che è divenuto una sorta di tabù politico assolutamente intoccabile e trasversale a tutti i partiti. In realtà, come suggerisce da tempo la stessa Commissione europea il prelievo andrebbe spostato gradualmente dal lavoro ai consumi. Complicato farlo in periodi di contrazione dell’attività economica, ma la direzione di marcia dovrebbe essere quella. Certo non i 3 punti secchi di aumento dell’Iva che in mancanza di risorse quite quite so much of sarebbero scattati dal prossimo anno.
Read More