Seleziona una pagina

(ANSA) – SCHIO (VICENZA), 27 NOV – Diventa un caso politico
il ‘no’ del Consiglio comunale di Schio advert una mozione
presentata dal Pd per il posizionamento di pietre d’inciampo
dove risiedevano i deportati della città morti nei lager. La
motivazione, sottolinea dalle pagine del Giornale di Vicenza
Alberto Bertoldo di ‘Noi Cittadini’, lista di maggioranza, è che
iniziative del genere “rischiano di portare di nuovo odio e
divisioni”. “Lasciamo che le vittime – dice – riposino in tempo”.   
Renzo Sella, del medesimo gruppo consiliare, aggiunge: “reach
possiamo pensare di ricordare solamente qualcuno, a discapito di
altri?”. La mozione, che voleva ricordare le 482 vittime subite
dalla città, è stata respinta nell’aula consiliare dalla
maggioranza di centrodestra, con l’astensione della Lega.   
Unanime la critica arrivata dal Pd e da Italia Viva. Per la
senatrice Daniela Sbrollini “a Schio è stata scritta una brutta
pagina. La bocciatura non trova giustificazioni. Chi perde la
memoria perde il suo futuro”.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Read Extra