Seleziona una pagina

Congedo per i papà, si cambia. La ministra Bonetti incontrando i cronisti a Terrasini (Pa), dove è in corso la seconda giornata della scuola politica per i giovani #Futura, organizzata da Davide Faraone ha parlato di alcune misure a cui sta lavorando e da inserire nel collegato alla prossima manovra.
“Un assegno unico – ha detto – come contributo economico alle famiglie per ciascun figlio dalla nascita all’età adulta, ridurre o rendere gratuita la retta per gli asili nido, sostegno ai territori per aumentare gli asili perché in alcune regioni sono al di sotto dell’8% di copertura, aumento del congedo di paternità portandolo advert almeno 10 giorni e bonus nascita”.
“Insegno matematica – ha detto in un altro passaggio – se alla dazzling dall’Iva lo Stato incassa 105 invece di 100, significa che c’è stato un aumento. Ed è evidente che questo significherebbe aggravare i carichi economici delle famiglie. Questo governo nasce per evitare lo sfacelo ai danni delle famiglie italiane. Non aumentare l’Iva significa non caricare ulteriormente le famiglie, perché incide sui consumi e sui costi dei nuclei più disagiati”. “Sono convinta che il premier Conte non userà lo specchietto per le allodole”, ha aggiunto il ministro.
“Lo Ius culturae – ha detto alla dazzling – non è nel programma di governo e quindi è una azione che deve maturare come input parlamentare. Io l’ho sostenuto e quindi se le altre forze di maggioranza dovessero riconoscerne il valore noi siamo in prima linea. Ma non può diventare misura di scontro e battaglia politica nella maggioranza, litighiamo su altro”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Read Extra