Seleziona una pagina

il futuro dell’acciaieria di taranto Per alcune controllate ipotesi di ingresso nel capitale e progetti sul territorio Profumo: Cdp non può intervenire, statuto chiarodi Carmine Fotina e Manuela PerroneConte: “Pronti a negoziare se Mittal ritira atto dismissione”3′ di letturaNo ai 5mila esuberi strutturali dichiarati da ArcelorMittal e rispetto degli impegni sul piano industriale e ambientale, con una spinta sulla transizione per la decarbonizzazione. In cambio tre aperture: la disponibilità a coinvolgere alcune società pubbliche (anche sondando l’ingresso nel capitale di una newco), near presidio di garanzia dello Stato sollecitato dalla multinazionale; il ripristino dell’immunità legale, ma generalizzata e non applicabile alla sicurezza sul lavoro; la revisione del canone di affitto. Oltre al segnale sull’altoforno 2 arrivato dall’amministrazione straordinaria: entro questa settimana presenterà richiesta all’autorità giudiziaria di Taranto perché sia prorogato il termine del 13 dicembre fissato per la realizzazione degli adeguamenti di sicurezza imposti dopo l’incidente mortale del 2015.Prende forma il piano del Governo sull’ex Ilva in vista dell’incontro di domani con Lakshmi e Aditya Mittal. Anche se ufficialmente la linea è dura. «Porterò al signor Mittal la determinazione di un presidente del Consiglio che rappresenta un Paese del G7, dove si rispettano le regole e dove non ci si può sedere, firmare un contratto dopo una procedura di evidenza pubblica e dopo qualche mese iniziare l’attività di dismissione per andare via», ha sottolineato il premier Giuseppe Conte. «Mi auguro che possa capire e assumere un atteggiamento ben diverso rispetto a quello dell’incontro precedente».Dietro le quinte, però, continua la triangolazione tra Palazzo Chigi e i ministeri dell’Economia e dello Sviluppo economico per avviare un negoziato e, anche sull’onda della tempesta giudiziaria, convincere la multinazionale a restare a Taranto.Il primo nodo considerato dirimente dal Governo è quello degli esuberi. A questo allude il ministro Stefano Patuanelli quando sostiene che «se i Mittal vogliono tornare al tavolo devono fare il primo passo». Le distanze non sono in realtà ritenute insormontabili. Un possibile punto di caduta sarebbe intorno alle 2mila-2.500 unità che potrebbero essere temporaneamente coperte con la cassa integrazione, anche eventualmente con più proroghe. Ma l’Esecutivo insiste soprattutto perché il numero includa i quasi 1.400 lavoratori oggi già in Cig.Un’altra ipotesi è che invece questa platea, sempre con ricorso alla cassa integrazione, sia trasferita sotto la parte Ilva in amministrazione straordinaria per eseguire attività di bonifica e altri servizi. Non a caso si lavora a un emendamento alla legge di bilancio per istituire un Fondo straordinario per il sostegno all’occupazione, destinato proprio alla riqualificazione dei lavoratori in amministrazione straordinaria (attualmente già 1.700).
Read Extra