Seleziona una pagina

SOCHI – E’ ancora Charles Leclerc. Il francese conquista la pole al Gran Premio di Russia, sul circuito di Sochi. Continua quindi il gran momento del monegasco, che nel Q3 ferma il cronometro a 1’31″628 e centra la sesta pole stagionale, la quarta di fila dopo Spa, Monza e Singapore. Al suo fianco partirà Lewis Hamilton, che in extremis acciuffa la prima fila a scapito di Sebastian Vettel: 402 i millesimi di ritardo del pilota anglo-caraibico della Mercedes, 425 quelli accusati dall’altro ferrarista che sarà affiancato da Valtteri Bottas con la seconda Freccia d’Argento.
Il finlandese approfitta anche delle 5 posizioni di penalità che dovrà scontare Max Verstappen, quarto in pista con la Red Bull e domani nono in partenza, a seguire le McLaren di Carlos Sainz e Lando Norris con Nico Hulkenberg su Renault in mezzo, quindi Romain Grosjean su Haas e l’altra Renault di Daniel Ricciardo.Erano rimasti fuori dalla lotta per la pole Pierre Gasly (Red Bull), che deve scontare una penalità di cinque posizioni sulla griglia, Sergio Perez (Racing Level), Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo), Kevin Magnussen (Haas) e Lance Stroll (Racing Level).
Eliminati invece nel Q1 Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) e le due Williams di George Russell e Robert Kubica, oltre ad Alexander Albon, andato a sbattere contro la sua Red Bull alla curva 13. Non è nemmeno sceso in pista Daniil Kvyat, che nelle ultime libere aveva avuto dei problemi alla vitality unit. Il pilota russo della Toro Rosso sarebbe comunque scattato dal fondo della griglia in compagnia di Kubica – pure lui penalizzato -, avendo deciso di montare il nuovo motore Honda.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Read Extra