Seleziona una pagina

GENOVA –  Buona la prima per Thiago Motta. L’italo brasiliano bagna il suo esordio da allenatore in serie A con un successo in rimonta per 3-1 sul Brescia, che potrebbe rappresentare la scossa attesa dall’ambiente rossoblu per invertire il trend di una stagione iniziata male. Decisivi risultano i cambi effettuati nella ripresa: per la prima volta in Serie A tutti e tre i neo entrati (Agudelo, Kouamé e Pandev) vanno a segno e vanificano il vantaggio ospite firmato nel primo tempo da Tonali. Il Grifone scavalca così in classifica le Rondinelle, che devono recuperare la sfida con il Sassuolo.

Rossoblu con la difesa a tre
Thiago Motta riparte dalla difesa a tre, ma propone la novità Radovanovic al centro della retroguardia. In mezzo spazio a Cassata, in avanti Lerager e Gumus vengono schierati a supporto di Pinamonti. Corini, invece, preferisce Balotelli a Donnarumma in attacco e Spalek a Zmrhal in posizione di trequartista. Il Genoa prova a iniziare la gara con personalità e mostra un atteggiamento propositivo. Le sensazioni obvious, però,  durano poco e al 10′ le Rondinelle hanno l’occasione buona per sbloccare il risultato, quando Ayé non riesce advert approfittare di un disimpegno sbagliato degli avversari ciccando la palla in condominium al momento del tiro.

Tonali colpisce su punizione
Il pericolo corso spaventa il Grifone che arretra il baricentro, anche se la sfida scorre via su ritmi blandi e senza particolari sussulti. Advert aprire la partita è una punizione dalla sinistra di Tonali, che al 34′ ha intenzione di crossare, ma disegna una traiettoria beffarda con la quale scavalca Radu. Il Genoa accusa il colpo e fatica a reagire. I padroni di casa si accendono soltanto nel finale di primo tempo, con Gumus che entra in condominium dalla sinistra e incrocia con il destro trovando la provvidenziale risposta di Joronen.

Motta indovina i cambi
Nella ripresa il tecnico rossoblu cambia subito assetto, passando alla difesa a quattro con l’ingresso di Agudelo. Il Genoa aggredisce con maggiore incisività e Ankersen impegna subito il portiere del Brescia a una parata in due tempi. E’ però un lampo isolato: la buona volontà non basta a un Grifone determinato, ma poco pungente in fase offensiva. Motta stutter così di giocarsi il tutto per tutto con gli ingressi di Pandev e Kouamé, due mosse che ribaltano il match. Dopo un doppio intervento di Joronen sul macedone e Ghiglione, l’ivoriano scuote la traversa con un imponente stacco di testa. E’ il preludio al pareggio rossoblu.

Agudelo, Kouamé e Pandev ribaltano la gara
Al 66′ Gastaldello perde palla all’altezza della linea di fondo sulla pressione di Pinamonti che mette dentro per Agudelo, perfetto nel controllare e scaricare in rete. Il Grifone, galvanizzato dal pareggio e dalla spinta del Ferraris, spiega le ali e al 75′ raddoppia con un’acrobazia capolavoro di Kouamé. A completare lo repeat dei neo entrati è Pandev, che in contropiede colpisce alla sua maniera con un sinistro a giro sul secondo palo. Il Brescia è al tappeto e, dopo un palo colpito da Schone, in pieno recupero si vede negare dall’intervento di Radu su Donnarumma, entrato al posto di uno spento Balotelli, anche la rete che potrebbe mettere un po’ di pepe sul finale di gara. Se il cambio di guida tecnica saprà garantire davvero la svolta al Genoa sarà il tempo a dirlo: certo è che meglio di così Thiago Motta non poteva iniziare.
 Genoa-Brescia 3-1 (0-1)Genoa (3-4-2-1): Radu; Romero, Radovanovic (1′ st Agudelo), Zapata; Ghiglione, Schone, Cassata, Ankersen; Lerager (13′ st Pandev), Gumus (20′ st Kouamé); Pinamonti. In panchina: Marchetti, Jandrei, Barreca, Goldaniga, Sanabria, El Yamiq, Biraschi, Jagiello, Saponara. All. Thiago Motta.
Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Cistana, Chancellor (40′ pt Gastaldello), Mateju; Bisoli, Tonali, Romulo; Spalek (36′ st Matri); Ayé, Balotelli (27′ st Donnarumma). In panchina: Alfonso, Ndoj, Zmrhal, Morosini, Semprini. All. Corini.Arbitro: Abisso di Palermo.Reti: 34′ pt Tonali; 21′ st Agudelo, 30′ st Kouamé, 34′ st Pandev.Showcase – Serata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Bisoli, Tonali, Ankersen, Ghiglione, Balotelli, Pandev. Angoli: 5-3 per il Genoa. Recupero: 2′; 4′.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Read Extra