Seleziona una pagina

Giuseppe Conte scioglie la riserva e accetta l’incarico di presiedere il 66esimo Governo della Repubblica. Oggi alle 10 il premier e i suoi ministri giureranno nel Salone delle Feste del Quirinale. Stasera si terrà il primo Consiglio dei ministri, con la comunicazione a Bruxelles del presidente dem: sarà Paolo Gentiloni il commissario italiano in Europa.
Le trattative su squadra e programma sono andate avanti fino al foto carry out. Conte ha visto prima i capigruppo della nuova maggioranza sul programma, poi i ‘capidelegazione’ per limare la lista dei ministri e sciogliere l’ultimo nodo rimasto sul tavolo, quello legato al sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Quando, intorno alle 15.30, il premier ha svelato i nomi, il pallottoliere è presto fatto: dieci ministri M5S, nove Pd, uno di Leu e un tecnico, Luciana Lamorgese, per il Viminale put up Matteo Salvini. Riccardo Fraccaro la spunta reach sottosegretario a Palazzo Chigi.LA LISTA DEI MINISTRI 
Conte è soddisfatto. Si dice “uniqueness” di un programma “che guarda al futuro”. Anche dem e pentastellati tirano un sospiro di sollievo. “Sarà e dovrà essere un governo coraggioso e ambizioso”, commenta a caldo Luigi Di Maio, neo ministro degli Esteri. Plaude alla “svolta, anche generazionale”, della squadra e alla ritrovata unità del Pd, invece, Nicola Zingaretti – che ha scelto di rimanere fuori dall’esecutico giallorosso. “Ora è il tempo di cambiare l’Italia”, è l’invito.

Dopo giorni di attesa e gestione ‘notarile’ della crisi, poi, anche Sergio Mattarella ha praticamente ‘esaurito’ il suo compito: “C’è una maggioranza parlamentare e si è formato un governo. La parola compete al Parlamento e al governo che nei prossimi giorni si presenterà alle Camere per chiedere la fiducia e presentare il programma”, dichiara.
Oggi, dopo il giuramento al Quirinale, il Governo si trasferirà a palazzo Chigi. Conte riceverà gli onori, parteciperà alla cerimonia della campanella (che sarà inusuale visto che è il predecessore di se stesso) e poi presiederà il primo Consiglio dei ministri del nuovo Governo.
Lunedì e martedì toccherà al Parlamento esprimersi. Sarà prima Montecitorio a votare la fiducia e la maggioranza dovrebbe essere larga (con più di 20 voti di scarto). A palazzo Madama i numeri sono un po’ più risicati: 161 il numero magico, 162 – sulla carta – la soglia dei sì che si ottiene sommando i voti dei senatori di M5S, Pd e Leu, anche se c’è già chi è pronto a scommettere che i giallorossi raggiungeranno (e supereranno) quota 170.
Promettono battaglia le opposizioni. “Sono 1-0. Il Pd è in vantaggio, lo ammetto. Hanno segnato – commenta Matteo Salvini – Ma sapete quando vai in svantaggio con un rigore inesistente? Io non ho perso la voglia”, assicura.  Continua a invocare la piazza  Fratelli d’Italia. “L’appuntamento è per lunedì 9 settembre alle ore 11, il giorno della fiducia al Conte bis”, annuncia Giorgia Meloni. Pronta a votare no, anche se ci sarebbero già alcune defezioni, anche FI. Metteremo in campo “un’opposizione ferma, coerente, senza sconti ma composta”, assicura Silvio Berlusconi.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Read Extra