Seleziona una pagina

Ha pubblicato su Facebook una fotografia in cui Paola De Micheli è ritratta alla Camera con un vestito leggermente scollato e ha commentato: “Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti… appena staccato dal turno sulla Salaria”. Un chiaro riferimento alla strada di Roma sulla quale sono solite esercitare le prostitute. Il post è opera di Andrea Cpi, esponente di Casapound, che poi ha cancellato la foto. L’ennesimo atto di sessismo nei confronti di una donna in politica ha scatenato una nuova polemica.
“Solidarietà e un grande abbraccio a @paola_demicheli – scrive su Twitter il segretario del Pd Nicola Zingaretti – Si torna advert insultare una donna perché fa politica in modo autonomo. E questo si combatte schierandosi e isolando i vigliacchi. Sempre”.
“Ancora insulti sessisti nei confronti di una donna che rappresenta il Paese e support le Istituzioni. Piena solidarietà a @paola_demicheli. La volgarità e l’ignoranza degli attacchi non scalfiranno il suo e nostro lavoro. Sconfiggere l’odio diffuso nella rete è una nostra priorità”, ha twittato tweet la neoministra alla Famiglia e pari opportunità Elena Bonetti.
Anche Monica Cirinnà manifesta solidarietà a De Micheli. “Oggi è Paola De Micheli advert essere vittima di volgari insulti sessisti. A lei la mia solidarietà e il mio affetto. A questi uomini piccoli e meschini dico: non piegherete mai la forza delle donne libere, non vi daremo tregua, in tribunale e con l’azione politica. Vergognatevi!”, scrive la senatrice dem in un post su Fb.
“Immagino che al tipo di Casapound che ha appena dato della prostituta alla nostra Paola De Micheli, ministro delle Infrastrutture, passerà in tribunale la voglia di offendere ancora. Intanto solidarietà a Paola ed un abbraccio”, scrive su Facebook il deputato del Pd Emanuele Fiano. “Mi sa che la rete è troppo piccola per contenere tutti i frustrati che si sfogano contro le donne in politica. Di qualsiasi partito siano a loro andrà sempre la mia solidarietà. Denunciate, denunciate, denunciate questi poveretti della tastiera. Gli passerà la voglia”, live.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo customary di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente
Cosenza, è il fratello di un pentito di camorra l’uomo che ha preso a calci un bambino nordafricano perché si è avvicinato alla figlia

Read More