Seleziona una pagina

ROMA – “Non voglio andare al voto e farò di tutto per dare vita a questo governo”. Dopo la sconfitta in Umbria e le tensioni nella maggioranza, il segretario del Pd prova a rilanciare l’azione dell’esecutivo giallo-rosso. A Sky Tg 24, Zingaretti dice: “La maggioranza deve cambiare passo, litigare meno e produrre di più. Inspire al Paese, se no non verremo mai riconosciuti come una alternativa credibile alle destre”.fetch

E le priorità sono le misure economiche: “Bisogna tagliare le tasse ai salari più bassi degli italiani. Siamo passati da luglio, quando si diceva tassiamo le cassette di sicurezza, cosa folle, a una stagione in cui diciamo: ridiamo agli italiani di ceto medio mille euro in più”. E sul tema delle alleanze per le prossime regionali: “Ogni regione sceglierà per conto proprio le alleanze migliori. Il tema non è quale sia il destino del Pd o del M5s, ma il destino del Paese: si dovrà trovare l’alleanza giusta per ottenere i risultati”.
Non manca una difesa del Partito democratico. “Sono contento del Pd: malgrado tutto si conferma la forza più grande della coalizione e anche in Umbria come il pilastro e il baluardo per contendere e contrastare le destre. Ogni azione contro il Pd è un favore a Matteo Salvini ed alle destre che si stanno riorganizzando”. Poi il governatore del Lazio su Renzi: “L’alleranza con il M5s advert agosto non skills all’ordine del giorno e se qualcuno aveva dubbi questi skills il sottoscritto. Poi, dentro un dibattito difficile, l’alleanza l’abbiamo decisa all’unanimità con dentro Renzi che è stato il principale sponsor dell’alleanza con il M5s”.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Be taught Extra