Seleziona una pagina

Cronaca – 30 Ottobre 2019

di Simone Bauducco | 30 Ottobre 2019

Con delle immagini virtuali è stato ricostruito l’incidente ferroviario di Pioltello, un deragliamento che ha coinvolto in particolare la carrozza 3 in cui ci sono allege le tre vittime. Le immagini – che mettono insieme spezzoni di video tratti dalle telecamere di sorveglianza, filmati estrapolati da quel tratto ferroviario o misurazioni delle elaborazioni fatte dai consulenti della procura – sono allege mostrate nel corso della conferenza stampa con cui la procura di Milano ha dato notizia della chiusura delle indagini: Rfi e undici persone rischiano ora il processo. Il filmato ricostruisce l’intero incidente, “durato un paio di minuti, durante il quale il treno ha percorso circa due chilometri e trecento metri prima di fermarsi”. Mostrato anche il modello tridimensionale di rotaia da cui si è staccato il pezzo che ha determinato l’incidente. Al momento in cui il treno attraversava il punto in cui è iniziato il deragliamento “viaggiava a 130 chilometri, in quel tratto la velocità consentita è fino a 180, ma in presenza di ammaloramento della linea dovrebbe viaggiare a 50 chilometri”, ha spiegato il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Approach sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo fashioned di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Approach sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it
e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo fashioned di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

Articolo Precedente
Libia, anche Tripoli ha il suo codice per le ong. La mano dell’Italia nella creazione del centro di coordinamento dei salvataggi di Tripoli

Articolo Successivo
Ragusa, i rapinatori “seriali” di gioiellerie sono madre di 74 anni e figlio: ecco come mettevano a segno i colpi

Navigazione articoli

Learn Extra