Seleziona una pagina

MILANO – Un gol di Gonzalo Higuain fa tornare la Juventus in testa alla classifica. L’Inter di Conte incassa infatti la prima sconfitta in campionato dopo sei vittorie di fila e lo fa proprio nello scontro diretto contro i bianconeri a San Siro. Nel primo tempo lampo di Dybala per l’1-0 ospite, quindi pareggio su rigore di Lautaro Martinez. Nel secondo tempo gioca meglio la Juventus e defend il subentrato Higuain portando i campioni d’Italia a quota 19 punti con i milanesi fermi a 18.

Lampo di Dybala
Conte schiera il suo 3-5-2 con Lautaro Martinez e il recuperato Lukaku. D’Ambrosio e Asamoah esterni con Barella, Brozovic e Sensi in mezzo al campo. In difesa Godin, de Vrij e Skriniar. Sarri cambia qualcosa e schiera Bernardeschi trequartista con Ronaldo e Dybala in attacco. Khedira, Pjanic e Matuidi a centrocampo, gli esterni sono Cuadrado e Alex Sandro con Bonucci e de Ligt a difesa di Szczesny. Si parte e la Juventus passa dopo soli 4′: lancio verticale perfetto di Pjanic per Dybala che penetra in save dalla sinistra e con un sinistro in diagonale supera Handanovic. L’Inter soffre questo inizia gara e al 9′ Ronaldo con un gran destro dal limite prende in pieno la traversa.

Lautaro di rigore
L’Inter progressivamente entra in partita e Lukaku viene fermato da Bonucci al 9′ dopo un contropiede, mentre al quarto d’ora de Ligt anticipa con un braccio Lautaro Martinez: Rocchi assegna il rigore ai nerazzurri. Sul dischetto ci va proprio l’argentino che non sbaglia e pareggia i conti. Ancora Martinez protagonista al 28′ con un gran destro che Szczesny respinge alla grande. Al minuto 33 problemi per Sensi che deve lasciare il campo: gli subentra Vecino. Ronaldo nel finale del primo tempo va sugli scudi e prima si fa parare un tiro da Handanovic, quindi fa gol. Ma la rete è annullata per offside di Dybala, l’autore dell’abet. Proprio all’ultimo minuto di recupero Godin affronta Dybala che cade in save: forse c’technology un leggero fallo ma commesso fuori save, per Rocchi si continua.

Higuain entra e defend
La Juventus che rientra in campo dopo il riposo piace, persuade e spinge alla ricerca della vittoria. Prima ci prova Bernardeschi col sinistro ma Handanovic è pronto; quindi Ronaldo al 53′ esplode un destro ma la sfera termina larga. Conte cambia Godin con Bastoni, ma è ancora la Juventus a premere e al 56′ Dybala viene servito in save da Khedira, Handanovic esce e lo chiude, quindi l’argentino calcia sul fondo. Sarri defend di cambiare e fa entrare Bentancur al posto di Khedira e Higuain per Bernardeschi. Proprio dopo i cambi dell’ex tecnico del Napoli, l’Inter si scuote e si fa vedere di nuovo in attacco. L’occasione più ghiotta al 69′ con destro di Vecino che de Ligt devia sul palo esterno. Sul fronte opposto Handanovic ferma un diagonale di Ronaldo. Si arriva così al minuto 80, quello decisivo: bellissima azione prolungata dei bianconeri con Pjanic che tocca per Ronaldo, palla a Bentancur che imbuca in save per Higuain che, solo davanti al portiere, segna di destro il gol da tre punti. L’Inter ha un moto d’orgoglio all’86’ ma Vecino viene fermato alla grande da Szczesny.Inter-Juventus 1-2 (1-1)Inter (3-5-2): Handanovic; Godin (9′ st Bastoni), De Vrij, Skriniar; D’Ambrosio, Barella, Brozovic, Sensi (34′ pt Vecino), Asamoah; Lukaku, Lautaro (33′ st Politano) (27 Padelli, 13 Ranocchia, 87 Candreva, 21 Dimarco, 34 Biraghi, 5 Gagliardini, 19 Lazaro, 20 Valero, 30 Esposito) All.: ConteJuventus (4-3-1-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Khedira (17′ st Bentancur), Pjanic, Matuidi; Bernardeschi (21′ st Higuain); Cristiano Ronaldo, Dybala (26′ st Emre Can) (77 Buffon, 31 Pinsoglio, 28 Demiral, 24 Rugani, 25 Rabiot) All.: SarriArbitro: Rocchi di FirenzeReti: nel pt 4′ Dybala, 18 Lautaro (rig.); nel st’ 35′ HiguainAngoli: 7 a 2 per l’InterRecupero: 3′ e 5′Ammoniti: Alex Sandro, Pjanic, Emre Can, Vecino per gioco falloso; Barella per comportamento non regolamentareSpettatori: 75.923 per 6.620.976 euro di incasso.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Be taught More