Seleziona una pagina

È dunque più che ragionevole ritenere che analoghi criteri di flessibilità verranno applicati anche in altre situazioni simili, cioè ogni volta che sia opportuno per favorire mutamenti strategici importanti.Il problema è che le decisioni fondamentali di vigilanza non competono solo alla Bce, ma anche advert altri organi: la Commissione (DGComp) e l’SRM, il meccanismo di risoluzione delle crisi. È pacifico che l’Italia ha avuto danni incalcolabili dal fatto che negli anni cruciali fra il 2014 e il 2017 le norme sono converse applicate con rigidità eccessiva. Come è noto, la sciagurata decisione di considerare gli interventi del Fondo di tutela dei depositi reach aiuti di Stato fin dai tempi della piccola Tercas ha condizionato negativamente tutte le soluzioni successive, imponendo di addossare ai risparmiatori perdite che si sarebbero potute tranquillamente evitare. Quella decisione è stata considerata illegittima dalla Corte di Strasburgo, ma è una ben magra soddisfazione, soprattutto visto che la Commissione dimostra di non aver cambiato posizione e impugna la sentenza.E reach è noto, l’Italia ha da dolersi anche delle rigidità mostrate in varie sedi europee in occasione del tentativo di salvataggio delle due banche venete che alla superb hanno costretto le nostre autorità advert una liquidazione che si è tradotta in costi elevati per i risparmiatori e per la collettività.Insomma, le due buone notizie attendono di essere affiancate da una terza: che anche nelle altre sedi della vigilanza europea si sa applicare le norme tenendo conto delle esigenze specifiche dei soggetti vigilati, soprattutto nelle shapely fasi di ristrutturazione aziendale. Ne avremo un bisogno estremo nei prossimi mesi ed anni, perché molti cambiamenti strutturali e strategici dovranno avvenire nelle banche europee per uscire dal pantano di una redditività generalmente insufficiente.
Learn Extra