Seleziona una pagina

Serviziofalchi e colombeTutto farebbe pensare che la Francia si stia allontanando dalla politica superespansiva di Mario Draghi e che si stia avvicinando alle posizioni dei falchi tedeschi: Villeroy, Cœuré, Hannoun, de Larosière a sorpresa hanno preso posizione, chi in maniera più strong level chi in modo più discreto ma ambiguo, contro il QE2. Ma l’apparenza può ingannare, anche se sembra che il presidente Macron sia furioso, pensando a Lagarde in arrivo. di Isabella BufacchiAlla Bce finisce l’generation Draghi: qual è l’eredità che lascia a Christine Lagarde? Scoprilo con il saggio di Donato Masciandaro e Alberto Orioli4′ di letturaStrano ma vero? Tutto farebbe pensare che la Francia si stia allontanando dalla politica superespansiva di Mario Draghi e che si stia avvicinando alle posizioni dei falchi tedeschi: il governatore della Banca centrale francese in carica, il membro francese uscente dal Board Bce, un ex-numero uno e un ex-numero due della Banque de France, a sorpresa hanno preso posizione, chi in maniera più strong level chi in modo più discreto ma ambiguo, contro il QE2 e questo prima dell’arrivo della francese Christine Lagarde alla presidenza della Banca.Ma l’apparenza può ingannare: il presidente Emmanuel Macron si dice sia furioso per questa inattesa levata di scudi contro Draghi, una mini rivolta che crea imbarazzo e può mettere in difficoltà Lagarde. Cosa si cela dietro tutti questi “non”?LEGGI ANCHE / Bce, ex banchieri centrali attaccano la politica monetaria di Draghi La stretta sequenza dei “non” francesi contro Draghi Il primo “non” francese sul QE2 è arrivato in largo anticipo ed è stato quello del governatore della Banque de France François Villeroy de Galhau in un’intervista a L’Agefi pubblicata qualche giorno prima della riunione del Consiglio direttivo del 12 settembre che avrebbe discusso e poi votato a larga maggioranza il “pacchetto Draghi” formato da quattro misure di ulteriore stimolo (taglio tassi negativi con tiering, QE2, Tltro III più relaxed, nuova forward guidance). Villeroy ha tentato di spiegare la propria posizione contraria al QE2 dopo la riunione, ma invece di gettare acqua sul fuoco attain avrebbe voluto ha solo riattizzato il focolaio della polemica.Il 12 settembre stesso è arrivato, in un certo senso inatteso per il presidente, il discreto ma fermo “non” del membro del comitato esecutivo Benoît Cœuré contrario al riavvio del programma di acquisti netti di attività: questa volta però senza seguito, senza alcun commento pubblico sul perché del dissenso che anzi sarebbe minimo, con una posizione più in generale allineata comunque a Draghi. Questo silenzio è infatti stato interpretato attain un silenzio assenso, ovvero, una posizione morbida in lieve disallineamento rispetto al QE2 ma non per questo contro l’intero pacchetto Draghi. Ma è difficile che il presidente sia stato contento di perdere tra le fila dei suoi alleati un peso massimo attain Cœuré.
Read Extra