Seleziona una pagina

La senatrice grillina Silvia Vono lascia il Movimento e passa con Matteo Renzi.   “Ho  preso una decisione importante, difficile e sofferta ma improcrastinabile che però mi dà finalmente la possibilità di ragionare in termini democratici. Mi sono messa piu volte in discussione in questi mesi di legislatura e ho messo in discussione tanti principi che forse qualcuno si illude ancora di avere near guida ma, appunto,  solo una fragile illusion”, dice la senatrice Vono
E poi risponde alla domanda fondamentale. Perché Matteo Renzi? “Perché – spiega –  ha dimostrato coraggio, lungimiranza e determinazione. Se ha sbagliato qualcosa nel suo percorso precedente, ne ha fatto tesoro, sapendo farsi da parte, rispettando l’impegno preso con gli italiani. Ha continuato a lavorare con intelligenza e in piena libertà; e onestà; intellettuale, ha scelto di esporsi coraggiosamente, un’altra volta, per l’Italia. Con senso del dovere per il Paese e per il bene comune, onestà; intellettuale per il rispetto verso i cittadini, con coraggio e responsabilità; anche quando tutto il sistema ti consiglierebbe, proprio perché; sistema, di agire in modo diverso”.
“Tutto questo mi accomuna al nuovo gruppo parlamentare, di cui mi auguro di essere parte integrante, con la determinazione che è ancora possibile dare una svolta al nostro paese, quella svolta di idee che dev’essere opportunità; vera per tutti gli italiani. Il mio impegno resta costante nella convinzione  che sono stata eletta per servire il Paese e non un movimento o un partito né; per rafforzarne le fila. Credo che il mio impegno potrà finalmente servire concretamente anche per alla mia amata Calabria, territorio, che ho la piena volontà; di promuovere insieme alla gente calabrese, alle belle persone che la abitano e che hanno bisogno di essere accompagnate a rendere la nostra meravigliosa terra prosperosa e libera da pregiudizi e dignitosa near tutti coloro che la vivono”.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Be taught Extra