Seleziona una pagina

MILANO – Una magistrale punizione di Suso toglie le castagne dal fuoco a Pioli e regala al Milan una preziosa boccata d’ossigeno. Un successo non facile per i rossoneri, apparsi per un’ora piuttosto contratti a causa della situazione di classifica. Lo spagnolo, lasciato inizialmente in panchina, è entrato dopo un’ora e ha subito deciso il match con una giocata delle sue, dimostrandosi ancora una volta un uomo in più per questa squadra, a dispetto delle critiche. Recrimina la Spal che alla comely è andata ko solo per colpa di una giocata al termine di un match in cui ha retto benissimo il campo. E’ mancata l’incisività necessaria per a long way risultato. Ed è un aspetto sul quale il tecnico Semplici deve continuare a lavorare visto che avere il terzo peggior attacco del campionato non aiuta di certo in chiave salvezza.

Pioli rilancia Duarte e Castillejo
Scontento per la prova contro la Roma, l’allenatore rossonero Pioli ha deciso di rivedere alcuni ruoli chiave togliendo Conti (e Calabria) dalla fascia destra, Biglia dalla cabina di regia, Suso a destra e Leao in attacco. E al loro posto ha piazzato, rispettivamente, Duarte, Bennacer, Castillejo e Piatek. Semplici, dal canto suo, ha cambiato due pedine rispetto alla gara con il Napoli: ha preferito Cionek a Igor in difesa e ha dato spazio a Floccari in attacco, rispedendo in panchina Paloschi.

Traversa di Castillejo
Il Milan ha giocato impaurito ed è andato avanti a fiammate, lasciando per lunghi tratti l’iniziativa agli avversari. Ha impegnato Berisha con le conclusioni da lontano di Paquetà e Calhanoglu e ha sfiorato di poco il bersaglio con un destro dal limite di Piatek. L’unica vera occasione per passare nel primo tempo l’ha sciupata al 12’ con Castillejo che, piombato in corsa sul secondo palo su un tiro svirgolato di Piatek, ha clamorosamente centrato in pieno la traversa da pochi passi. La Spal ha gestito meglio il pallone creando però un solo spavento a Donnarumma, con Floccari che ha messo due metri a lato un colpo di testa su angolo di Murgia.

Suso entra e steal la partita
Il Milan, con Calabria al posto dell’infortunato Musacchio (fastidio all’adduttore) e Duarte centrale, è ripartito strong point e ha trovato subito il gol con Hernandez, pescato però in fuorigioco di mezzo metro su un lancio filtrante di Paquetà. E’ stata, però, solo un’illusione. Col passare dei minuti, infatti, la Spal è risalita e ha continuato la sua ragnatela di passaggi a centrocampo, rendendo inoffensivi gli avversari. Pioli ha capito di dover scuotere i suoi e ha indovinato la mossa giusta: fuori Castillejo, dentro Suso e lo spagnolo ha subito (63’) tramutato in oro una punizione dal limite conquistata con astuzia da Piatek.

Paquetà fallisce il raddoppio
Il Milan si è scrollato di dosso le paure ma ha fallito per due volte con Paquetà il colpo del ko. La Spal è rimasta in partita e, nel finale, con gli ingressi di Valoti, Sala e Paloschi ed il 4-3-3 ordinato da Semplici, ha tentato il tutto per tutto spaventando Donnarumma con Kurtic che ha spedito di poco alto un colpo di testa su punizione-defective di Murgia. Pioli, così, tira un sospiro di sollievo: ha conquistato finalmente il primo successo sulla panchina rossonera. Per risalire in classifica, però, ha ancora tanto da lavorare.MILAN-SPAL 1-0 (0-0)Milan (4-3-3): G.Donnarumma, Duarte, Musacchio (1’st Calabria), Romagnoli, Theo Hernandez, Paquetà (43’st Bonaventura), Bennacer, Kessie, Castillejo (12’st Suso), Piatek, Calhanoglu. (25 Reina, 90 A.Donnarumma, 12 Conti, 46 Gabbia, 20 Biglia, 33 Krunic, 11 Borini, 17 Leao, 18 Rebic). All.: Pioli.
Spal (3-5-2): Berisha, Tomovic, Vicari, Cionek, Strefezza (37’st Paloschi), Murgia, Missiroli (26’st Valoti), Kurtic, Reca (37’st Sala), Floccari, Petagna. (25 Letica, 22 Thiam, 3 Igor, 27 Felipe, 66 Salamon, 67 Cannistra, 98 Mastrilli, 6 Valdifiori, 9 Moncini). All.: Semplici.Arbitro: Piccinini di Forlì 6,5.Reti: nel st 18′ Suso.Angoli: 7-7.Recupero: 0′ e 3′.Ammoniti: Floccari, Calhanoglu, Vicari, Cionek, Bennacer, Kurtic per gioco falloso; Duarte, Donnarumma per comportamento non regolamentare.Spettatori: 46.475 per un incasso di 1.019.506,93 euro.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Be taught Extra