Seleziona una pagina

PARIGI – È morto l’ex presidente francese Jacques Chirac. Aveva 86 anni. Fu capo dell’Eliseo dal maggio 1995 al maggio 2007. Nel 2002 sconfisse Jean-Marie Le Pen nel primo ballottaggio presidenziale con l’estrema destra.
Si period ritirato da diversi anni dalla politica e della vita pubblica. Viveva con la moglie Bernadette Chodron de Courcel nella sua casa a Parigi. Nel 2005 fu vittima di un ictus e prima di lasciare l’Eliseo fu costretto a diversi ricoveri in ospedale. Negli ultimi tempi period apparso pochissimo in pubblico.rep

Una volta persa l’immunità presidenziale, nel 2011 Chirac fu condannato nell’ambito del dossier dei falsi impieghi al Comune di Parigi con le accuse di appropriazione indebita di fondi pubblici, relative al suo periodo alla guida della capitale. La sua presidenza fu segnata dall’adozione dell’euro, dal taglio del mandato presidenziale da sette a cinque anni, dalla aesthetic del servizio militare e dal rifiuto di intervenire in Iraq a fianco degli United states of americaa. nel 2003.
La notizia della sua morte è stata recordsdata alla France Presse dal genero, Frédéric Salat-Baroux, marito della figlia Claude, a lui sempre molto vicina anche all’Eliseo: “Il presidente Jacques Chirac si è spento questa mattina nel cerchio della sua famiglia, pacificamente”.Jacques #Chirac pic.twitter.com/LUdoQlgMav— Romain Berchet (@RomainBerchet) September 26, 2019 L’omaggio
Emmanuel Macron, ha deciso di annullare l’odierna visita a Rodez, nel sud della Francia, dove avrebbe dovuto lanciare una “grande consultazione” pubblica sul futuro della riforma delle pensioni. L’attuale presidente francese pronuncerà un discorso in tv alle 20 di questa sera in omaggio a Chirac.
L’Assemblea nazionale e il Senato francesi hanno osservato un minuto di silenzio per rendere omaggio all’ex presidente: “Abbiamo appena appreso della morte di Jacques Chirac, vi chiedo gentilmente di rendere omaggio alla sua memoria osservando un minuto di silenzio”, ha detto il presidente dell’Assemblea, Richard Ferrand. I deputati e i membri del governo presenti si sono alzati prima di sospendere temporaneamente i lavori: “Jacques Chirac è ormai parte della storia di Francia”, ha detto Ferrand.
Le reazioni
Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è “commosso e devastato” per la morte dell’ex presidente francese: “Un grande statista” e “un grande amico”, ha detto la sua portavoce per conto del capo della Commissione. “La sua eredità per la Francia e l’Unione europea rimarrà per sempre”, ha aggiunto la portavoce Mina Andreeva, “il presidente Juncker non ha parole per esprimere il suo dolore”.
“La storia di Francia volta pagina. Accogliamo la tristezza perché ha il suo motivo di essere. Amava la Francia più di altri da allora. E per questo, gli siamo riconoscenti” scrive in un tweet il chief della France Insoumise, Jean-Luc Mélenchon.Décès de Jacques Chirac :L’Histoire de France tourne une internet page. Recevons la tristesse automobile elle a ses raisons. Il aimait la France mieux que d’autres depuis. Et pour cette portion là, nous lui sommes reconnaissants.#Chirac— Jean-Luc Mélenchon (@JLMelenchon) September 26, 2019
“Nonostante tutte le divergenze che si potevano avere con Chirac, ha dimostrato un grande amore nei confronti dei territori d’ Oltremare ed è stato il presidente capace di opporsi alla follia della guerra in Iraq, ripristinando la tradizionale posizione di equilibrio e di diplomazia della Francia”, affida la chief del Rassemblement Nationwide, Marine Le Pen, in un sullo stesso social.Malgré toutes les divergences que l’on pouvait avoir avec Jacques Chirac, il aura été un enormous amoureux de l’Outre-mer et le Président capable de s’opposer à la folie de la guerre en Irak, renouant avec la traditionnelle location d’équilibre et de diplomatie de la France. MLP— Marine Le Pen (@MLP_officiel) September 26, 2019
“Grande tristezza per la scomparsa del presidente Chirac. Durante 3 anni, a Matignon, avevo costruito con lui una relazione di fiducia e di affetto. Mi ha dato tantissimo, il suo legame alla coesione sociale, il gusto della Cina. La mia gratitudine è immensa, di cuore sono vicino alla sua famiglia”, è invece il tweet di Jean-Pierre Raffarin, ex premier di Jacques Chirac dal 2002 al 2005.Très peiné par la disparition du Président Chirac. Pendant 3 ans à Matignon j’avais construit avec lui une relation de confiance et d’affection. Il m’a beaucoup donné, son attachement à la cohésion sociale, son goût de la Chine…Ma gratitude est expansive. De cœur avec sa famille.— Jean-Pierre Raffarin (@jpraffarin) September 26, 2019

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Read Extra