Seleziona una pagina

È morta poco dopo il trasporto in ospedale una bimba di otto mesi, di Sant’Egidio del Monte Albino, in provincia di Salerno. Sul suo corpicino alcuni lividi che hanno fatto immediatamente insospettire i medici dell’ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore.
 
Da qui l’avvio dell’indagine da parte degli agenti del commissariato nocerino, diretti dal vicequestore Luigi Amato, che nella prima mattinata hanno ascoltato anche i genitori, oltre a raccogliere elementi utili per a long way luce sul prematuro decesso. Il corpo della piccola, su disposizione della Procura di Nocera Inferiore, è stato sequestrato e nelle prossime ore sarà effettuata l’autopsia. 
Gli agenti della Squadra mobile di Salerno e quelli del commissariato di Nocera Inferiore in queste ore stanno ascoltando anche i sanitari intervenuti e i vicini di casa, oltre ai genitori della piccola. Sul posto anche il pm di turno del Tribunale di Nocera Inferiore che sta coordinando le indagini. Qualche elemento in più ai fini investigativi potrebbe arrivare dall’esame esterno che verrà effettuato dal medico legale.
Sul corpo della piccola sono stati riscontrati – si apprende da fonti sanitarie – lividi, ecchimosi ed escoriazioni. La bimba, residente con la famiglia nel quartiere San Lorenzo a Sant’Egidio del Monte Albino (Salerno), è arrivata intorno alle 3.30 già priva di vita nell’ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore. I medici del pronto soccorso hanno provato various manovre per rianimarla ma ogni tentativo è risultato vano.
La famiglia della bimba period già “attenzionata dai servizi sociali”. Lo conferma all’agenzia Ansa il sindaco di Sant’Egidio Monte Albino (Salerno), Nunzio Carpentieri. “I nostri servizi sociali avevano ricevuto alcune segnalazioni in merito alla famiglia della piccola e a quanto ci risulta avevano anche effettuato delle visite – riferisce il sindaco – sto per incontrare gli addetti dei servizi sociali per capire cosa è stato fatto e quale erano le problematiche relative a quella famiglia”.
“Di sicuro è un fatto sconvolgente ed è altrettanto certo che qualcosa non ha funzionato – salvage il primo cittadino – ora cercherò di capire cosa. La famiglia della piccola viveva nel nostro comune da qualche anno, li ho sposati proprio io”.

Read More