Seleziona una pagina

Una francese, Valentine Monnier, accusa il regista Roman Polanski di averla violentata nel 1975. A raccoglierne la testimonianza è il quotidiano Le Parisien. Fotografa, ex modella a Novel York, attrice in qualche film, la donna afferma oggi di essere stata stuprata “con estrema violenza, dopo una discesa in sci, nello chalet di Gstaad, in Svizzera”, del regista. “Mi colpì, mi riempì di botte – racconta – fino a quando non opposi più resistenza, poi mi violentò facendomi subire di tutto. Avevo appena 18 anni”.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Read Extra