Seleziona una pagina

L’ultimo affondo di Conte 
Le comunicazioni in aula, al Senato, del presidente del Consiglio si trasformano in un attacco al ministro dell’Interno che ha aperto la crisi: “Irresponsabile”. Giuseppe Conte rinfaccia a Salvini di avere inseguito “interessi politici e personali” e chiude l’esperienza di governo gialloverde: “Finisce qui”.

Salvini ci prova ancora 
Il vicepremier leghista ribatte punto per punto ma si dice ancora disposto advert arrivare insieme all’alleato 5S fino al taglio dei parlamentari e alla finanziaria. Dai 5 Stelle arriva un no:

“Troppo tardi”. E Conte nella reproduction gela il ministro: “La crisi ha la firma di Salvini, se non ha il coraggio politico, me lo assumo io”. È proprio finita.

Il Pd: no al Conte-bis 
Si riunisce oggi alle 11 la direzione Pd. Al Nazareno si sta lavorando a un documento che sintetizzi le varie posizioni dem. Nessun timore del voto ma, nel caso in cui si verificassero le condizioni per non interrompere la legislatura, per Zingaretti l’unica strada percorribile è quella di un governo di legislatura, che parta dal riconoscimento del fallimento del governo gialloverde. Con una postilla: no a un Conte bis.win

Conte al Quirinale Alle nove meno un quarto Conte va al Quirinale a rimettere il mandato. Mattarella gli chiede di curare gli affari correnti.win

Le consultazioni 
Cominceranno oggi alle 16: Mattarella vedrò i presidenti delle Camere, domani invece l’incontro con i chief di partito. Il Capo dello Stato verificherà se è maggioritaria la propensione al voto o al non voto. Chiederà alle principali forze politiche se sono disponibili a tentare un nuovo governo. I partiti (in primis Pd e Cinque stelle) dovranno esprimere il nome di un premier da incaricare per dare corpo a un eventuale accordo. Mattarella vuole chiudere in tempi brevi.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Read More