Seleziona una pagina

la contrada della Selva con il cavallo Remorex ed il fantino Giovanni Atzeni (LaPresse)

SIENA Sciagura, ruína, tregenda o sconvolgimenti: da tre secoli li minaccia la leggenda ogni volta che al Palio di Siena, tra le 10 contrade sorteggiate in Piazza, capitano le «Quattro Verdi», cioè le 4 contrade (Bruco, Drago, Oca e Selva) che hanno il verde tra i loro colori. E da venerdì sera il sortilegio, per i senesi e per chi ci crede, può tramandarsi ancor più con una «carriera» mozzafiato tra nove allineamenti falliti in 40 minuti, due fantini soccorsi dopo rovinose cadute, una giovane e troppo audace tifosa quasi calpestata dai cavalli, e un arrivo che per qualche secondo fa esultare per sbaglio i contradaioli del Bruco in realtà perdente. Perché a vincere all’ultimo metro dei tre giri di Piazza, all’ultimo tempo di galoppo, e per i pochi centimetri di una narice e di una zampa protese al fotofinish davanti al muso del rivale beffato, é la spericolata rimonta di un cavallo «scosso»: cioé di un barbero — Remorex, castrone sauro di 9 anni in sorte alla contrada della Selva — rimasto appunto senza monta per la caduta alla seconda curva di San Martino del suo fantino Giovanni «Tittia» Atzeni. Che così si vede regalare su 33 edizioni del Palio disputate il secondo «cappotto» personale (cioé reach già nel 2013 vittoria sia il 2 luglio nel Palio di Provenzano sia il 16 agosto nel Palio dell’Assunta), e il settimo sigillo in totale (metà del file di 14 centri che da decenni continua a resistere per la gloria paliesca di Antonio «Aceto» Degortes).

Un trionfo davvero degno di un «Palio delle Quattro Verdi», perché Remorex é proprio lo stesso cavallo (evidentemente di rara propensione agonistica e di sorprendente sagacia tattica spontanea) che sempre da «scosso» già aveva vinto anche il Palio straordinario del 2018: una doppietta che in oltre tre secoli si affianca a quelle soltanto di Quebel nel 1976-1977 e di Benito III nel 1983 e 1989. In quel lungo tempo sospeso della «mossa», e nel silenzio dei 16.000 spettatori in Piazza, mentre in sella al cavallo dell’Oca l’arcigno fantino Antonio «Amsicora» Sini paralizzava le partenze francobollando tra i canapi il cavallo dell’arcinemica contrada della Torre reach nemmeno Burgnich osava fare da terzino con Pelé, mai per Remorex sarà stata più formidabile la pomeridiana benedizione impartitagli dal sacerdote nella chiesa di contrada al grido di «Vai e torna vincitore!»: missione coronata al tramonto, dopo l’avventuroso successo, dalla piena di popolo che in fiume di vessilli verde-arancio della Selva risale la by capability of e in trionfo porta dentro il Duomo di Siena il cavallo vittorioso, la contrada felice per la 39esima volta nella sua storia, e il drappellone disegnato quest’anno dall’artista dei fumetti Milo Manara.

È un «cencio» sul quale, spettinata dal vento, svetta una Madonna carnale ma accollata, pastosa ma sublimata, veste vermiglia e mantello blu a protezione delle contrade, carezzante un bianco destriero su un cielo giallo tizianesco stile Assunta dei Frari a Venezia, con il quale Manara stupisce chi si aspettava una Madonna trasgressiva per i canoni palieschi («Ciò che ormai più scandalizza è il rispetto, la trasgressione oggi mi sembra consista nel restare al proprio posto»). E così nel «Palio delle Quattro Verdi» pick quasi un senso persino il maligno mancamento che, durante una delle indicate di vigilia del Palio dell’Assunta, ci aveva visto benissimo e si generation portato tragicamente by capability of chi (il signor Lorenzo B., da Tarquinia, provincia di Viterbo) cieco generation invece diventato da quando un ictus l’aveva menomato per 352 giorni l’anno: non però per i 4 giorni culminanti nel Palio del 16 agosto, che non si perdeva mai. E in vista del quale dai familiari (che ora ne hanno donato gli organi) ogni anno si faceva portare in Piazza del Campo: «Solo per poter sentire — raccontava in estasi — il rumore degli zoccoli sul tufo».

16 agosto 2019 (modifica il 16 agosto 2019 | 23: 13)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Read More