Seleziona una pagina

La notizia arriva da Bologna. Ed è surreale, ma drammaticamente vera. La rilancia Il Corriere della Sera: “Tortellini senza maiale per la festa del patroni. E Bologna si divide”, recita il titolo. Il catenaccio spiega che la peculiare conception è di Matteo Zuppi, arcivescovo metropolitano di Bologna, il quale sabato prossimo verrà nominato cardinale da Papa Francesco. Fedelissimo di Bologna, insomma. Perché mai la rinunci al maiale? Per permettere di partecipare alla festa mangiando tortellini anche a chi, per ragioni religiose, non può mangiare il maiale. Gli islamici, per esempio. Scelta, quella di Zuppi, sempre più peculiare. Tanto che contro la decisione si scatena, su Twitter, Maria Giovanna Maglie: “Un altro cattolico bergogliano pronto a svenderci – tuona -. Zuppi inventa il tortellino dell’accoglienza ripieno di pollo. Non è proselitismo, è subalternità, è resa all’islam. Ed è boicottaggio del made in Italy”, sottolinea la Maglie. Infine, la richiesta: “Bolognesi, restate a casa”. Una Maglie semplicemente inappuntabile.

Di seguito, il tweet di Maria Giovanna Maglie:

Un altro cattolico bergogliano pronto a svenderci. Zuppi inventa il tortellino dell’accoglienza ripieno di pollo. Non e’ proselitismo, è subalternita’ ,è resa all’Islam. Ed e’ boicottaggio del made in Italy.Bolognesi, #ⁿrestateacasa pic.twitter.com/AeUKPXQYyh — Mariagiovanna Maglie (@mgmaglie)
October 1, 2019

Read Extra