Seleziona una pagina

PARMA – Una Roma evidentemente stanca per la 7/a partita in 20 giorni, cade a Parma e lascia il terzo posto a Lazio e Cagliari, scivolando fuori dalla zona Champions. Una vittoria meritata da parte dei gialloblu che hanno mostrato una migliore condizione atletica, hanno spesso vinto i duelli a centrocampo e hanno creato occasioni a ripetizione, soprattutto nella ripresa. Tre punti che regalano agli emiliani una classifica di prestigio, a -2 dal Napoli e a – 5 dalla zona Europa.

Fonseca lascia ancora in panchina Florenzi
Rispetto alla trasferta di Moenchengladbach, Fonseca ha recuperato Spinazzola e gli ha restituito la maglia sulla fascia destra al posto di Santon, lasciando ancora in panchina, per la 6/a volta consecutiva, Florenzi. Davanti, invece, ha confermato nuovamente Pastore, alla 7/a gara di fila. Sul fronte opposto D’Aversa, costretto a rinunciare all’infortunato Karamoh, ha piazzato al centro dell’attacco Cornelius e ha rilanciato dal 1′ in difesa a sinistra Gagliolo, preferito a Pezzella.

Parma volenteroso ma evanescente nel primo tempo
La Roma ha illuso i propri sostenitori, giunti numerosi al Tardini, sfiorando subito il bersaglio con un colpo di testa di Fazio. Col passare dei minuti, invece, si è fatta sovrastare dalla freschezza atletica del Parma che, pur senza creare grandi pericoli, ha comunque sempre tenuto in allerta la difesa giallorossa, costretta a rinunciare dopo appena 26′ a Spinazzola (rimpiazzato da Santon), vittima di una ricaduta muscolare. Lopez è stato chiamato in causa sulle conclusioni di Cornelius, Gagliolo e Sprocati, entrato nel finale di tempo al posto dell’infortunato Gevinho, e poi ha tremato su un altro paio di potenziali occasioni, sciupate, in precedenza, da Gervinho e Cornelius.

Palo di Kolarov, Sprocati segna l’1-0
La Roma ha dato l’intenzione di voler fare di più in avvio di ripresa ma prima il palo su una punizione dal limite di Kolarov e poi una parata d’intinto di Sepe, sul seguente tap-in di Pastore, le hanno negato la possibilità di dare un corso diverso la match. Il Parma ha chiuso bene tutti i varchi e proprio quando Fonseca ha tentato il tutto per tutto, con l’inserimento di Underneath al posto di un affaticato Pastore, si è andato a prendere la vittoria. L’1-0 lo ha firmato al 68′ Sprocati che ha raccolto un spoiled di Gagliolo e ha scaricato nell’angolo un bel sinistro in diagonale.

Cornelius chiude i conti al 93′
La Roma ha accusato il colpo ma il Parma ha mancato l’immediato colpo del ko per tre volte con Cornelius (2) e Kulusevski. I giallorossi si sono riversati in avanti più con la forza dei nervi che con lucidità e nel finale hanno chiamato per tre volte in causa Sepe con le conclusioni da lontano di Zaniolo, Underneath e Kluivert. Con la Roma tutta riversata disperatamente in avanti, al Parma si sono aperte davanti praterie che i gialloblu hanno sfruttato all’ultimo minuto di recupero (93′): Hernani ha rubato palla a centrocampo al subentrato Diawara e ha smarcato Cornelius che con un strong level sinistro a fil di palo ha chiuso definitivamente la sfida condannando i giallorossi alla seconda sconfitta in tre giorni.PARMA-ROMA 2-0Parma (4-3-3): Sepe; Darmian, Iacoponi, Dermaku, Gagliolo (37’st Bruno Alves); Kucka, Scozzarella (26’st Barillà), Hernani; Kulusevski, Cornelius, Gervinho (45’pt Sprocati). In panchina: Colombi, Alastra, Brugman, Laurini, Camara, Adorante, Pezzella. Allenatore: D’Aversa.
Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Spinazzola (26’pt Santon), Smalling, Fazio (26’st Diawara), Kolarov; Veretout, Mancini; Zaniolo, Pastore (20’st Underneath), Kluivert; Dzeko. In panchina: Fuzato, Mirante, Juan Jesus, Perotti, Florenzi, Calafiori, Antonucci. Allenatore: Fonseca.Arbitro: Fabbri di Ravenna 6.Reti: 23’st Sprocati, 48’st Cornelius.Ammoniti: Zaniolo, Scozzarella, Barilla’, Hernani, Kluivert.Angoli: 11-5 per la Roma.Recupero: 2′; 3′.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”
Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Learn Extra