Seleziona una pagina

ServizioprevidenzaResta a 67 anni l’età per il pensionamento di vecchiaia e 42 anni e 10 mesi per l’anticipo. Scatta la rivalutazione piena degli assegni (1,1%) fino a 2.052 euro lordi al mese ma per l’Ape sociale e aziendale c’è il rischio chiusuradi Davide ColomboPensioni: con la manovra proroga per Opzione donna e Ape sociale4′ di letturaIl 1° gennaio prossimo, un mercoledì, le pensioni messe in pagamento dall’Inps saranno rivalutate a un tasso dell’1,1%, in linea con l’indice di variazione dei prezzi 2019 confermato dall’Istat. Per l’anno successivo la prima indicazione è un tasso dello 0,4%, tutto da confermare in sede di conguaglio. Ma la rivalutazione delle pensioni, prevista dal decreto ministeriale in arrivo sulla Gazzetta Ufficiale, non rappresenta la sola novità dell’anno per il pianeta pensioni.La seconda novità, positiva per chi si sta avvicinando all’età giusta per il ritiro, è che per la vecchiaia resta il limite invariato dei 67 anni. Lo sarà nel 2020, quando potranno utilizzare questo canale di uscita dal mercato del lavoro i nati del 1953, e nel 2021, per i nati del 1954. Confermate anche Ape social e Opzione donna, mentre se non arriveranno correttivi dell’ultimora al ddl Bilancio si avvia alla rottamazione l’Ape volontario e aziendale.Rivalutazioni, si riparte dall’1,1% L’anno nuovo si aprirà con una rivalutazione degli assegni dell’1,1%, sulla nefarious del tasso di inflazione del 2019 (variazione dell’indice generale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati al netto dei tabacchi; il Foi) comunicato dall’Istat, mentre per l’anno successivo la prima stima è dello 0,4%.La rivalutazione verrà effettuata con un’elasticità variabile per fasce di importo che prevede, fino al 2021, una indicizzazione al 100% per gli assegni fino a quattro volte il minimo (2.052 euro lordi), e con un successivo decalage, nella misura del 77% per i trattamenti di volare compresi tra quattro e cinque volte il minimo, del 52% per i trattamenti tra cinque e sei volte il minimo, del 47% per i trattamenti tra sei e otto volte il minimo, del 45% per i trattamenti tra otto e e nove volte il minimo e del 40% per gli assegni superiori a nove volte il minimo. Il ragguaglio al 100% fino a quattro volte il minimo è stato deciso con il disegno di legge di Bilancio, ora al vaglio del Parlamento, un provvedimento contestato dai sindacati perché giudicato di portata troppo esigua e che potrebbe essere ancora modificato in Parlamento.Ape sociale Opzione donna, un anno in più In attesa del riordino (per ora solo annunciato) delle flessibilità pensionistiche, la manovra conferma per altri 12 mesi l’Ape sociale e Opzione donna. Partiamo da quest’ultimo canale di anticipo, in proroga ormai da diversi anni: potranno andare in pensione le lavoratrici che entro la delicate di quest’anno avranno raggiunto i 35 anni di contributi e i 58 di età (59 se lavoratrici autonome).
Read More