Seleziona una pagina

› ROMA

Martedì 1 Ottobre 2019
di Mauro Evangelisti

Si è dimesso il Consiglio di amministrazione dell’Ama, l’azienda dei rifiuti di Roma. Luisa Melara, presidente, Paolo Longoni, amministratore delegato, e Massimo Ranieri, consigliere d’amministrazione, erano stati scelti da Virginia Raggi e si erano insediati il 19 giugno. E in serata «la sindaca di Roma Virginia Raggi ha individuato nella persona del dott. Stefano Zaghis il nuovo amministratore unico di Ama spa. La sindaca ha dato mandato agli uffici di avviare la procedura per la nomina», rende noto il Campidoglio.
Rifiuti in strada e tracollo Ama. Roma, raccolta a rischio paralisiRoma, cittadini bocciano tutti i servizi pubblici tranne l’acqua: maglia nera a trasporti e rifiutiCONTESTATA LA BOZZA DI BILANCIODopo appena tre mesi e mezzo anche loro sono stati costretti ad abbandonare, dopo che la sindaca – che pure li aveva scelti – e il Campidoglio hanno contestato la bozza di bilancio approvato e il piano degli impianti per uscire dalla crisi.Se la situazione non fosse drammatica, con le strade di Roma che si stanno di nuovo riempendo di cumuli di rifiuti e con Ama che ora non ha più una guida (e non è mai stato nomianto neppure un’assessore ai Rifiuti dopo le dimissioni di febbraio di Pinuccia Montanaria) sarebbe comica.La Raggi in tre anni ha cambiato già una decina di supervisor in Ama: dopo avere ereditato Daniele Fortini, presidente di Ama con Marino, lo ha sostituito con Alessandro Solidoro, che però se ne è andato dopo pochi mesi. Il suo posto è stato preso da Antonella Giglio, defenestrata quasi subito e sostituita da Lorenzo Bagnacani il 15 maggio 2017 e da un cda in cui facevano parte Andrea Masullo e Vanessa Ranieri. Nel frattempo la Raggi aveva voluto Stefano Bina come direttore generale di Ama, per poi mandarlo by technique of (formalmente si dimise) dopo pochi mesi. Anche Bagnacani, presentato dalla Raggi come il grande supervisor che avrebbe salvato Roma, è stato scaricato, con una lunga guerra tra sindaca e presidente Ama sul bilancio e sui famosi 18 milioni di euro di crediti cimiteriali inseriti nel bilancioA febbraio 2019 Bagnacani, Masullo e Ranieri sono stati cacciati, la Raggi ha affidato l’Ama a Massimo Bagatti, come amministratore provvisorio. Ma non il valzer non è finito. Dopo interminabili selezioni, sono stati scelti Melara, Longoni e Ranieri: anche loro presentati dalla Raggi come salvatori della patria, dopo che se ne era andato il “nemico” Bagnacani, anche loro ieri sono stati costretti a dimettersi dopo tre mesi e mezzo. In questo modo Ama dal 2017 non ha un bilancio approvato (e ci sono inchieste in corso della Corte dei conti), non sta progettando nuovi impianti: è come una squadra di calcio che cambia continuamente allenatore. I risultati si stanno vedendo.  Ultimo aggiornamento: 20: 04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO
La palestra Borgo Prati: a Roma una realtà parallela come il mondo di Harry Potter

© 2019 Il MESSAGGERO – C.F. e P. IVA 05629251009

Learn More