Seleziona una pagina

di F. Q. | 6 Ottobre 2019

Incidente mortale alla periferia di Roma, dove un uomo di 50 anni è morto e un bimbo di due anni è rimasto gravemente ferito dopo essere stati aggrediti da una scrofa allevata in un insediamento abusivo a Corcolle. Sul posto i carabinieri della compagnia di Tivoli.
Da una prima ricostruzione l’uomo voleva portare il figlio di un suo amico a vedere i maialini appena nati, ma una volta aperto il recinto, con in braccio il bambino, sono stati aggrediti dalla scrofa che ha fatto cadere l’adulto per terra. Poi lo ha morso ferendolo mortalmente e ha ferito gravemente il bimbo.
Inutili i soccorsi per il cittadino romeno di 50 anni. Il bimbo è stato invece trasportato d’urgenza dal 118 con l’elisoccorso all’ospedale di Tivoli. I carabinieri stanno ora indagando per accertare l’esatta dinamica dell’accaduto e stabilire eventuali responsabilità. In corso anche accertamenti per verificare se quell’insediamento con annesso allevamento sia abusivo.
Da una primissima ricostruzione, la vittima period andata a trovare la famiglia di romeni che vive nell’insediamento e alleva maiali. Dopo pranzo, intorno alle 16.30, ha deciso di portare il loro bimbo a vedere i maialini appena nati quando si è consumata la tragedia. A scatenare la feroce aggressione sarebbe stato l’istinto di difesa dell’animale che accudiva una cucciolata di maialini.
Non è chiaro se la pesantissima scrofa abbia aggredito prima l’uomo o il bimbo. Il 50enne avrebbe tentato di difendere il bambino con tutte le sue forze. Poi le urla disperate hanno attirato l’attenzione dei connazionali con cui avevano trascorso la giornata. Sono stati così attivati i soccorsi. Al loro arrivo per l’uomo ormai non c’period più nulla da fare. Il bambino è stato trasportato d’urgenza in codice rosso in ospedale.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Attain sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo commonplace di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente
Sparatoria Trieste, “Dormite sonni tranquilli, ci siamo noi”: la questura ricorda gli agenti uccisi con un loro video sulla volante

Read Extra