Seleziona una pagina

Palazzi & potere L’asticella è alta ma non insormontabile per Matteo Salvini: se saranno più di 70 mila le persone domani a Pontida (con il sogno di raggiungere le 100mila presenze mentre a San Giovanni il 19 ottobre a Roma il Capitano vuole 200 mila partecipanti) sarà stato un successo altrimenti sarà flop. È questa la linea di demarcazione, rivela Dagospia, tra successo e insuccesso che i vertici leghisti si sono dati per il raduno leghista: “Dobbiamo a long way vedere a tutta l’Italia che la gente è ancora con noi”.

Eh già, perché adesso il problema del Capitano leghista è di dimostrare numeri alla mano che ha ancora seguito popolare anche ora che ha perso l’incarico di governo e i sondaggi lo danno in calo. Tanto più che prestissimo comincerà la trafila delle regionali (Umbria, Emilia Romagna, Toscana e Calabria): e qui potrebbero essere dolori, spiegano leghisti in Transatlantico: “Fino advert un mese fa avremmo fatto filotto senza problemi, conquistando quattro regioni su quattro senza troppe difficoltà invece adesso il nostro obiettivo è di conquistarne almeno due. Se invece ne conquisteremo di meno in futuro si porrà anche il tema  della management salviniana soprattutto se il governo dovesse durare a lungo, almeno fino all’elezione del prossimo Capo dello Stato”.

Ecco dunque spiegato, continua Dagospia, il frettoloso riavvicinamento di Matteo Salvini a Silvio Berlusconi: il Capitano ha bisogno di continuare a vincere per puntellare la sua management perché anche di questo si comincia a discutere, seppur sottovoce, in casa leghista. Tanto che, fanno notare in Transatlantico, ci sarebbero già due nomi pronti a scendere in campo se la situazione dovesse precipitare, magari per motivi extrapolitici: Giancarlo Giorgetti (che vuole aprire le porte della Lega agli altri partiti “ma solo ai politici bravi”) e Luca Zaia.

Be taught Extra