Seleziona una pagina

Hanno intimato a Carola Rackete l’alt per tre volte, ma la Sea Glance non si è fermata ed è finita addosso alla motovedetta della Guardia di finanza che cercava di tenere lontana dal molo di Lampedusa la nave della Ong con 40 migranti a bordo. Una disobbedienza che solo per un miracolo non si è trasformata in tragedia.

“Abbiamo rischiato di morire”, dicono fonti della Gdf all’agenzia Adnkronos, parlando apertamente di “azione criminale”: “Siamo rimasti schiacciati sulla banchina”, a bordo della motovedetta per diversi secondi si c’period un clima di “terrore” perché “ci siamo visti addosso a noi un bestione da 600 tonnellate”. Anche il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, che coordina le indagini, ha commentato con durezza: “Le ragioni umanitarie non possono giustificare atti di inammissibile violenza nei confronti di chi in divisa lavora in mare per la sicurezza di tutti”.

Learn More