Seleziona una pagina

Taglio dei parlamentari: tutte le nuove regole4′ di letturaTagliare il numero dei parlamentari non è una conception sbagliata. È sbagliato il modo in cui è stata fatta. Si poteva, e doveva, fare affrontando contestualmente il problema del superamento del bicameralismo paritario.Ci piace ricordare che siamo ancora l’unico Paese europeo con due Camere che hanno esattamente le stesse funzioni. Dunque, si poteva abolire il Senato e passare a un sistema monocamerale anche senza modificare il numero dei deputati oppure si poteva puntare advert un Senato delle regioni con pochi e qualificati membri riducendo contestualmente il numero dei deputati.LEGGI ANCHE / Taglio dei parlamentari, Italia quinta nell’Ue per deputati e quarta per senatori Si è scelta invece la strada più semplice ma meno efficace per dare al nostro Paese un Parlamento meno costoso e più efficiente. La cosa non deve sorprendere. Il M5s è una strana creatura, un misto di innovazione e di conservazione. È nato per promuovere la democrazia diretta ma allo stesso tempo ha fatto propria l’conception della centralità del parlamento. Introdurre il referendum propositivo va bene, ridurre i poteri del Senato no. Questa è la filosofia del Movimento. E così ci terremo per chissà quanto tempo ancora due Camere identiche.In verità, questa riforma introduce qualche differenza tra Digital camera e Senato. Non nelle funzioni ovviamente ma nella rappresentanza. Lo fa involontariamente. Il Senato infatti diventerà una digicam un pochino più disproporzionale dell’altra. Con il sistema elettorale in vigore i seggi proporzionali sono qui 199 e quelli maggioritari (i collegi uninominali) 116. Con il taglio diventeranno rispettivamente 126 e 74.
Read More