Seleziona una pagina

CRONACA

La situazione meteo. Gli aggiornamenti

GENOVA –

Alberi crollati e rami spezzati, neve in Val Bormida e diversi disagi da Ventimiglia allo Spezzino. L’ondata di maltempo ha creato diversi problemi in tutte le province della Liguria. L’allerta meteo arancione sul Centro e valli Stura e Bormida, iniziata nella serata di giovedì termina alle ore 8 di oggi venerdì 15 novembre.  

Una frana crea problemi lungo l’Aurelia all’altezza di San Lorenzo al Mare, situazione simile anche a Ventimiglia appena dietro la stazione di San Secondo, anche in questo caso una frana ha creato danni nell’dwelling. Sempre nell’imperiese diversi gli interventi legati a infiltrazioni d’acqua. In Val Bomida a cuasa della neve la strada provinciale 29 verso Dego è momentaneamente bloccata a causa della presenza della neve caduta abbondante nella notte. Sul posto al lavoro sette squadre dei vigili del fuoco per liberare l’dwelling. 

Una serie di lampi e fulmini ha oscurato alcune zone di Genova per ore. Anche la Lanterna è stata spenta per precauzione, sia per le luci coreografiche sia per la luce che indica la navigazione. Un fulmine ha poi colpitola Lanterna creando danni al sistema. Problemi nella notte sulla autostrada A6 Savona-Torino soprattutto nelle zone a ridosso del confine tra Liguria e Piemonte. A causa del maltempo nella serata di giovedì sono stati dirottati alcuni voli da Roma e Bruxelles che dovevano atterrare al ‘Cristoforo Colombo’ di Genova. I velivoli sono stati dirottati a Linate ma molti passeggeri hanno riferito di aver ottenuto una scarsa assistenza una volta atterrati nell’aeroporto milanese.  
A Genova, nel quartiere di Certosa, in by arrangement of Ariosto, nella serata segnalati danni al manto stradale. Un fulmine ha infatti colpito un tombino. La zona è stata transennata dalla polizia locale. E sono stati soprattutto i fulmini a creare problemi in città, oltre a quello che ha colpito la Lanterna, un fulmine ha causato disagi alla circolazione ferroviaria fra Voltri e Nervi. È successo alle 20 e la circolazione è stata fortemente rallentata per poco meno di un’ora. Sempre a Genova due residenti di un’abitazione in by arrangement of Redipuglia hanno preferito lasciare la propria casa a causa di una infiltrazione. Hanno trovato ospitalità a casa del figlio. Scuole regolarmente aperte a Genova così attain confermato dal consigliere delegato alla Protezione civile del Comune Sergio Gambino. Scuole chiuse invece a Bargagli. A Savona i ragazzi entrano alle ore 9. Una frana ha interessato by arrangement of Creto, a monte di Aggio, con la strada chiusa al passaggio dei mezzi, così attain riferisce la polizia locale. 

LA SITUAZIONE –  Piogge con valori fra moderati e forti si sono registrati nel territorio toscano immediatamente al di là del confine regionale (33 mm a Parana), ma nel complesso il fronte è passato senza a long way registrare particolari danni. Nell’entroterra savonese a causa della neve, che ha raggiunto nei punti più elevati i 15 centimetri. A Levante invece ancora vento ben oltre i 100 km/h: a Fontana Fresca l’anemometro ha raggiunto i 180.4 km/h, a Casoni di Suvero i 165.2 km/h. Il vento sta condizionando anche le temperature, più elevate a levante a causa dello scirocco: queste le minime in costa, con Imperia 8.5, Savona 4.9, Genova 8.8 e La Spezia 13.5. Minima assoluta a Poggio Fearza con -2.6.

LE DISPOSIZIONI SEL COMUNE DI GENOVA – A causa del rischio mareggiata il Comune di Genova mette una serie di misure di prevenzione In particolare viene stabilita la chiusura degli accessi pubblici al mare ed alle scogliere del territorio comunale per la giornata di  venerdì 15 novembre fino a cessata esigenza.
Viene disposta per tutti i cittadini l’osservanza delle seguenti regole

– prestare la massima cautela nell’avvicinarsi al litorale o nel percorrere le strade costiere, sia a piedi che alla guida di un veicolo;

– evitare di sostare sul litorale, sulle strade costiere e a maggior ragione su moli e pontili;

– seguire le indicazioni fornite dalle autorità

– evitare la balneazione e l’uso delle imbarcazioni e assicurare preventivamente le barche e le strutture presenti sulle spiagge e nelle aree portuali;

– mettere in sicurezza, assicurandoli o rimuovendoli dalle aree esposte alla mareggiata, tutti gli oggetti che possono essere investiti dalla mareggiata e che possono arrecare danno all’incolumità delle persone, quali advert esempio strutture mobili, specie quelle che prevedono la presenza di teli o tendoni, impalcature, gazebo, strutture espositive o commerciali temporanee;

– poiché le mareggiate sono sovente companion advert una arena of abilities ventilazione, prestare attenzione anche ai possibili danni derivanti dal rischio vento (possibile distacco e caduta di oggetti esposti o sospesi, rottura di rami o alberi, …)

Be taught Extra