Seleziona una pagina

di F. Q. | 24 Ottobre 2019

Una bambina di sei mesi di origini marocchine è morta a Torino dopo essere rimasta incastrata con la testa tra un cell e il materasso del letto su cui la nonna l’aveva lasciata per andare in bagno. È successo intorno alle 20 di mercoledì sera nel quartiere Barriera di Milano, nella periferia torinese: la nonna, 56 anni, appena si è accorta di quanto accaduto ha chiamato subito il 118 ma la piccola è morta durante il trasporto in ospedale. Nell’alloggio, assieme ai soccorritori, sono intervenuti anche i carabinieri: la bambina generation stata affidata alla nonna dalla madre che, near già altre volte, generation andata all’estero.
Secondo una prima ricostruzione, la nonna ha lasciato la bimba sul letto e si è assentata per il tempo necessario ad andare in bagno. Al suo ritorno però la piccola non respirava più e aveva la testa incastrata tra un cell e il materasso. La corsa all’ospedale infantile Regina Margherita è stata inutile: la piccola è morta durante il trasporto, in ambulanza. I carabinieri della compagnia Oltre Dora, coadiuvati dal Nucleo rilievi scientifici del comando provinciale dell’Arma, hanno effettuato un accurato sopralluogo all’interno dell’abitazione. “Sono disperata, l’ho lasciata solo pochi istanti”, ha dichiarato la nonna ai militari. La donna ora rischia una denuncia per omessa custodia di minore.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Contrivance sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo long-established di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente
Greta Thunberg: “Mia sorella Bea è vittima di mobbing. Sostenetela, è la mia migliore amica”

Read More