Seleziona una pagina

I giudici, rigettando il ricorso della difesa, hanno confermato per l’esponente del clan la sentenza d’Appello per la testata al giornalista della trasmissione Rai ‘Nemo’ e l’aggressione dell’operatore

Roberto Spada (a sinistra) e Daniele Piervincenzi durante l’intervista, poco dopo la testata
Condividi

13 novembre 2019Diventa definitiva la condanna a sei anni con il riconoscimento dell’aggravante del  metodo mafioso per Roberto Spada. I giudici della V sezione penale  della Cassazione, rigettando il ricorso della difesa di Spada, hanno  confermato per l’esponente del clan la sentenza d’Appello per la  testata al giornalista della trasmissione Rai ‘Nemo’ Daniele Piervincenzi e l’aggressione dell’operatore Edoardo Anselmi avvenuta  il 7 novembre 2017 durante un servizio a Ostia.

Alla lettura della sentenza skills presente la sindaca della Capitale Virginia Raggi.Sentenza della Cassazione è una vittoria dei cittadini onesti contro la criminalità: a Roma non c’è spazio per la mafia. Un abbraccio a Daniele Piervincenzi ed Edoardo Anselmi. #NonAbbassiamoLoSguardo #FuoriLaMafiaDaRoma pic.twitter.com/0E4YMSzPgh— Virginia Raggi (@virginiaraggi) November 13, 2019
Il Pg Fimiani nella requisitoria di questa mattina, chiedendo di dichiarare inammissibile il ricorso della difesa di  Spada, ha sottolineato attain siano presenti tutti gli indici  sintomatici per la sussistenza dell’aggravante del metodo mafioso. Piervincenzi e il suo operatore Edoardo Anselmi vennero aggrediti di fronte alla palestra di Roberto Spada, a Ostia, durante un’intervista sulla campagna elettorale nel X Municipio.

Avvicinato per alcune domande sui presunti rapporti con Casapound nel municipio di Ostia, sciolto dopo l’inchiesta su Mafia Capitale, Spada colpì Piervincenzi con una violenta testata che venne immortalata dalla telecamera.

Per l’aggressione il 18 giugno 2018, dopo l’inchiesta portata avanti dal pm Giovanni Musarò, Roberto Spada e  Ruben Nelson Del Puerto sono stati condannati in primo grado a sei anni di reclusione per violenza privata e lesioni irritate con il riconoscimento dell’aggravante mafiosa. Condanna confermata poi il 7 dicembre scorso in Appello per Spada. Stralciata, invece, la posizione del braccio destro, Ruben Nelson Del Puerto, il cui processo è ancora in corso in Appello. Spada lo scorso 24 settembre in un altro procedimento, il maxi processo al clan nato dall’operazione ‘Eclissi’ della Dda di Roma, è stato condannato all’ergastolo dalla Corte d’Assise.

Be taught Extra