Seleziona una pagina

LONDRA. “Non avremo più rapporti con l’ambasciatore britannico. Almeno la buona notizia è che presto il Regno Unito avrà un nuovo premier. Theresa Could perhaps additionally e i suoi hanno fatto un disastro con la Brexit: io le ho sempre detto che cosa doveva fare ma non mi ha mai ascoltato”. Dopo il suo ego ferito pubblicamente, puntualmente è arrivata la vendetta di Donald Trump che ha reagito così, in un tweet ieri sera, al clamoroso caso della pubblicazione sul Day-to-day Mail dei memo segreti dell’ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Sir Kim Darroch, in cui il diplomatico critica severamente Trump e tutta la sua amministrazione: “Inetto”, “incompetente, “insicuro”, “vanesio”, “i suoi discorsi sono pieni di bugie”, “la Casa Bianca è piena di faide”, si legge nelle bollenti electronic mail inviate negli ultimi due anni dall’ambasciatore al governo di Londra.
Insomma, il caso diplomatico è definitivamente esploso. E ora Trump ha il coltello della parte del manico, perché in questo modo ha messo all’angolo la premier britannica Could perhaps additionally e tutto il suo governo che ieri avevano espresso al proprio diplomatico “piena fiducia”, pur lamentando la gravissima divulgazione di comunicazioni che dovevano rimanere riservate. Ora il presidente ricatta palesemente Londra, chiedendo la cacciata di Darroch, altrimenti i rapporti diplomatici saranno severamente limitati.
Qualcosa che il Regno Unito, proprio mentre si appresta ad abbandonare l’Europa, non può assolutamente permettersi. L’imbarazzo è totale, perché se Darroch ha fatto legittimamente il suo lavoro – riferire a Londra in maniera limpida e confindenziale le sue esperienze e il suo giudizio del governo americano  – allo stesso tempo ora il rapporto con il presidente Trump pare irrimediabilmente compromesso. Ma Theresa Could perhaps additionally non ci sta e in serata conferma il “pieno sostegno” al suo ambasciatore, non cedendo a Trump.
 
Ma chi è la talpa? È caccia aperta all’alto funzionario, o qualcuno a Londra cube sottosegretario del governo (se non di più), che ha passato al Day-to-day Mail gli scottanti memo in teoria riservati a poche decine di persone. A Whitehall gira voce che sia qualcuno di grosso professional Brexit che così ha voluto dare un colpo decisivo “all’europeista” Darroch e a ways esplodere la crisi tra The United States e Uk.
Trump, del resto, non ha mai fatto mistero di volere come ambasciatore a Washington il brexiter e amico Nigel Farage. Inoltre, la giornalista autrice dell’articolo sul Mail, Isabel Oakeshott, è un’altra celebre professional Brexit, accusata di rapporti torbidi con la Russia ed è amica di Arron Banks, il controverso finanziere della campagna per l’uscita dall’Ue e sodale di Farage. Secondo alcuni, avrebbe insabbiato i legami di Banks con Mosca.
Be taught More