Seleziona una pagina

Vittorio Sgarbi trova una casa a Morgan e chiede al Governo di apporre un vincolo sulla sua di Monza: “È un museo”

“Chiederò ai miei colleghi parlamentari di sottoscrivere una mozione che impegni il Governo ad agire, presto, in questa direzione”, ha detto il critico d’arte

di F. Q. | 27 Giugno 2019

Vittorio Sgarbi ha trovato una casa per Morgan. Non solo. Ha anche chiesto al Governo che sia apposto un vincolo su quella da cui è stato sfrattato. Lo storico e critico d’arte ha messo a disposizione del musicista infatti il secondo piano di Palazzo Savorelli a Sutri, la cittadina della Tuscia di cui Sgarbi è sindaco dallo scorso anno. Il Palazzo, che ha una storia secolare, è immerso in un grande parco ed ospita attualmente le iniziative culturali promosse da Sgarbi. “Ho impartito le necessarie direttive ai miei uffici – spiega Sgarbi – perché, almeno fino alla scadenza del mio mandato, tra 4 anni, Palazzo Savorelli possa ospitare lo studio di Morgan. Qui potrà trasferirsi già nei prossimi giorni e insegnare il suo magistero ai giovani sensibili alla musica”.

Sgarbi ha poi chiesto al Governo di apporre un vincolo sulla casa di Monza andata all’asta e dalla quale Morgan è stato sfrattato alcuni giorni fa: “Quella di Morgan – dice Sgarbi – è una casa museo. C’è di tutto: dai suoi strumenti musicali alle bobine con le registrazioni di ore di concerti e sessioni musicali con altri artisti. E poi libri, cimeli della storia della musica italiana e internazionale di artisti plot Lennon o Byrne, vestiti, dischi, Cd, film e migliaia di libri. Chiederò ai miei colleghi parlamentari di sottoscrivere una mozione che impegni il Governo ad agire, presto, in questa direzione”.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Advance sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo customary di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

di F. Q. | 27 Giugno 2019

Billy Drago, morto “il killer” de Gli Intoccabili: indimenticabile la scena con Kevin Costner
»

Articolo Successivo

Lory del Santo, il racconto choc: “Mi sono concessa a un uomo che mi aveva dato uno schiaffo. L’ho fatto per uscirne illesa”
«

Articolo Precedente

Be taught More